Comunicazione e psicologia

Corso di laurea in Comunicazione e Psicologia, d.m. 270/2004, Classe L-20 – Scienze della Comunicazione (Communication and Psychology)

Attenzione: a partire dall'a.a. 2013-2014 tutti le informazioni e i materiali relativi agli insegnamenti per studenti iscritti saranno reperibili al link http://psicologia.elearning.unimib.it

Le informazioni seguenti sono rivolte agli studenti che si sono iscritti al primo anno a partire dall'anno accademico 2011-2012 e mirano a descrivere il CdL.

 

II Corso di laurea in Comunicazione e Psicologia ha durata triennale e prevede un totale di 18 esami. Il titolo di studio rilasciato è la Laurea in Comunicazione e Psicologia (Classe L-20, Scienze della comunicazione). Come per tutti i Corsi di laurea italiani sotto la vigente legislazione, le attività che lo studente è tenuto a svolgere in questi tre anni sono quantificate in termini di Crediti Formativi Universitari (CFU). Ogni CFU corrisponde a circa 25 ore di lavoro da parte dello studente, ripartite tra lezioni, studio e/o attività pratiche. Il Corso di laurea in Comunicazione e Psicologia prevede che lo studente acquisisca nel triennio un totale di 180 CFU (circa 4500 ore di lavoro).

Comunicazione e Psicologia è ad accesso ato affinché vi possa essere una buona interazione fra docenti e studenti e un servizio di orientamento adeguato alle esigenze di chi mette per la prima volta piede nell’università.

Vai all'elenco dei corsi per percorso formativo

Percorso unico

Informazioni dettagliate

Sbocchi

L’esperienza degli ultimi dieci anni insegna che una percentuale non piccola dei laureati triennali in Comunicazione decide di non iscriversi a una laurea Magistrale, perché esistono diversi sbocchi professionali per i quali la laurea triennale risulta adeguata (per esempio, addetti stampa, operatori editoriali, esperti di comunicazione multimediale, pubblicitari, comunicatori pubblici e addetti ai settori della comunicazione di azienda, intervistatori e rilevatori professionali).

Il Corso di laurea consente, comunque, l’accesso a Corsi di laurea Magistrale istituiti dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca, in particolare, al Corso di laurea Magistrale in Teoria e tecnologia della Comunicazione (classe LM-92), attivato dal Dipartimento di Psicologia e dal Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Il Corso di laurea consente altresì l'accesso a Corsi di laurea Magistrale istituiti da altri Atenei e ai Master di I livello.

Composizione

Il Corso di laurea comprende, oltre agli esami obbligatori (14 esami, 112 CFU), tre esami (24 CFU) a scelta guidata e inoltre 16 CFU per attività formative autonomamente scelte dallo studente, 3 CFU per la conoscenza della lingua inglese, 3 CFU per la conoscenza di una seconda lingua straniera, 6 CFU per la prova finale, 6 CFU relativi a ulteriori attività formative utili per l’inserimento nel mondo del lavoro e 10 CFU di Stage. La combinazione di due esami a scelta del tutto libera e di tre esami a scelta in un gruppo predeterminato di proposte lascia allo studente la possibilità di personalizzare il proprio percorso.

Prova finale

Gli studenti che abbiano maturato almeno 120 CFU possono richiedere l’ammissione alla prova finale e l’attribuzione del relatore, nei periodi e nei modi indicati dal Regolamento Tesi, compilando l’apposita richiesta. Alla prova finale vengono assegnati 6 CFU corrispondenti ad un carico di lavoro di 150 ore complessive, comprensivi di 2 CFU di laboratorio propedeutico alla tesi. La prova finale consiste nella presentazione di un elaborato individuale in forma scritta (o di un prodotto multimediale di analogo impegno), anche redatto in inglese, che viene valutato da una Commissione di Laurea la cui composizione è regolata dal Regolamento didattico di Ateneo. La Commissione esprime la valutazione in centodecimi, tenendo conto dell’andamento complessivo della carriera dello studente. La relazione intende dimostrare la raggiunta capacità dello studente di approfondire – guidato da un docente relatore – una tematica specifica tra quelle affrontate nei corsi o oggetto di esperienze pratiche o di tirocinio formativo.

Crediti per “attività pratiche” e di laboratorio

Gli studenti del Corso di laurea in Comunicazione e Psicologia sono obbligatoriamente tenuti a svolgere, durante il corso di studi, attività formative complementari a carattere pratico. A tali attività sono assegnati 6 crediti formativi. Tali CFU possono essere acquisiti con le seguenti tipologie di attività a scelta:

1. Superare positivamente l’accertamento del profitto per attività formative relative a corsi pratici/laboratori offerti dal Corso di laurea in Comunicazione e Psicologia.

2. Ulteriori conoscenze linguistiche (oltre all’inglese e a una seconda lingua straniera già previste nel piano didattico) (3 CFU).

3. Ulteriori conoscenze informatiche – ECDL Full (3 CFU).

4. Attività pratiche esterne documentate (come volontariato, teatro, ecc.) di cui si può richiedere il riconoscimento (da un minimo di 1 fino a un massimo di 3 CFU).

5. Partecipazione a corsi di formazione, workshop, seminari o congressi su temi coerenti con quelli del Corso di laurea (da un minimo di 1 fino a un massimo di 3 CFU).

6. Partecipazione ad esperimenti svolti all’interno del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano Bicocca o altra attività di ricerca se regolamentata dal Dipartimento (da un minimo di 1 fino a un massimo di 3 CFU).

Per i punti indicati in (2)-(3)-(4)-(5)-(6) sono acquisibili in totale al massimo 3 CFU. Per questi punti, la richiesta di accreditamento dei crediti formativi, accompagnata da un’adeguata documentazione, e per il punto indicato in (6) controfirmata dal responsabile della ricerca di cui l’esperimento o le altre attività autorizzate fanno parte, deve essere inoltrata dallo studente al Consiglio di Coordinamento Didattico delle lauree triennali e a ciclo unico. Dal momento che lo studente deve acquisire un totale di 6 CFU, il Consiglio di Coordinamento Didattico approverà la richiesta di accreditamento per le attività pratiche descritte ai punti (4)-(5)-(6) solo a patto che la loro somma arrivi a 3 CFU (ad esempio, 1 CFU per partecipazione a seminari + 2 CFU per la partecipazione a esperimenti).

Per quanto riguarda il punto (1), il Corso di laurea organizza una serie di corsi pratici, laboratori (3 CFU), tra i quali lo studente potrà scegliere. Tutte queste attività prevedono lo svolgimento da parte degli studenti di attività pratiche o di approfondimento in autonomia. L’attribuzione dei CFU è condizionata all’approvazione del docente dell’attività svolta, con controllo dell’assiduità della frequenza.

Stage

I 10 CFU relativi allo stage (8 CFU per la frequenza e 2 CFU per la relazione finale) potranno essere acquisiti iscrivendosi e frequentando le classi di stage attivate dal Dipartimento in diverse aree tematiche, o svolgendo uno stage per circa 200 ore presso una delle strutture esterne già convenzionate con il Dipartimento che operino nel campo della comunicazione o nei settori che hanno attinenza con gli insegnamenti del corso. I CFU saranno attribuiti solo previa valutazione positiva dell’attività svolta (con controllo dell’assiduità della frequenza) da parte del tutor responsabile della classe di stage (nel primo caso) o del tutor aziendale della struttura convenzionata (nel secondo caso).

Le prove di lingua straniera

Per conseguire la laurea di primo livello, lo studente deve aver acquisito tra i 180 CFU complessivi quelli relativi alla verifica della conoscenza obbligatoria dell’inglese (3 CFU). L’acquisizione di tali crediti avviene secondo le modalità stabilite dall’Ateneo per l’acquisizione dei crediti di lingua straniera. Gli studenti che sono in possesso di una delle certificazioni linguistiche di livello “B1” o superiore non dovranno sostenere alcuna prova, purché tale competenza sia certificata da uno degli Enti accreditati dall’Ateneo. A tal fine, lo studente dovrà produrre, all'atto della formalizzazione della propria iscrizione, una autocertificazione. Gli studenti che non sono in possesso di una delle certificazioni linguistiche accreditate dall’Ateneo dovranno superare una “Prova di conoscenza”, preceduta da un “Accertamento delle conoscenze linguistiche”. Come da delibera del Senato Accademico (3/7/2006) l’acquisizione dei CFU relativi alla verifica della conoscenza della lingua inglese (3 CFU) deve avvenire entro l'appello straordinario nella sessione invernale (di norma gennaio-febbraio) del secondo anno di corso; agli studenti inadempienti, seppur in regola con la contribuzione, non verrà consentita l'acquisizione di crediti formativi relativi al secondo e al terzo anno. Al terzo anno di corso, poi, sono previsti ulteriori 3 CFU per la conoscenza di una seconda lingua straniera oltre all’inglese. Anche in questo caso, le modalità di acquisizione di tali CFU sono regolate dall’Ateneo.

Svolgimento dei corsi e frequenza

I corsi sono ripartiti su due semestri, secondo quanto stabilito dal calendario di ateneo. Per i laboratori e i corsi pratici è prevista la frequenza obbligatoria di almeno il 75% delle ore previste. Per gli insegnamenti frontali non è prevista la frequenza obbligatoria, ma anni di esperienza didattica hanno dimostrato che un’assidua frequenza a tutti i corsi, fin dal primo giorno di lezione, è uno dei principali fattori in grado di determinare il successo agli esami e la complessiva capacità dello studente di portare a termine il corso di studi proficuamente.

Programmi d’esame

Ad ogni corso e ad ogni esame corrisponde un programma d’esame, a suo tempo reso disponibile dal docente del corso. La validità del programma d'esame e della relativa bibliografia di studio è ata al solo anno accademico in cui il corso è stato frequentato. Allo scadere dell’ultimo appello della sessione autunnale il programma del corso non è più valido, ed è sostituito dal programma d’esame indicato per l’edizione del corso che si terrà nel nuovo anno accademico. Solo per i corsi del secondo semestre la validità del programma d'esame è prorogata fino agli appelli della sessione invernale del successivo anno accademico.

Appelli d’esame

Ogni corso, che sia obbligatorio o a scelta, corrisponde ad un esame. All’università, è possibile sostenere esami solo nell’ambito dei rispettivi “appelli d’esame” a loro volta ripartiti in tre sessioni: invernale (di norma gennaio-febbraio), estiva (di norma giugno luglio) e autunnale (di norma settembre). Il numero minimo di appelli durante l’anno è stabilito dal Regolamento didattico di Ateneo. Per poter sostenere un esame lo studente deve iscriversi al relativo appello, seguendo le procedure telematiche predisposte dai servizi informatici di Ateneo. L’iscrizione agli esami si effettua via Internet all’indirizzo del sistema informatico d’Ateneo, Segreterie Online, collegandosi al sito: www.unimib.it/segreterieonline

Per ciascun esame le iscrizioni si aprono di norma 20 giorni prima della prova e si chiudono 3 giorni lavorativi prima della data d’appello seguendo le istruzioni contenute nell'informativa sulle modalità d'iscrizione e di partecipazione agli esami, pubblicata sul sito di Dipartimento. Con l'avvio della verbalizzazione online gli studenti che non risultino iscritti nel registro elettronico non potranno in nessun caso sostenere l'esame; pertanto, in caso di difficoltà nell’iscrizione, è necessario contattare per tempo l’Ufficio Gestori Segreterie Online (possibilmente qualche giorno prima della chiusura delle iscrizioni e non l’ultimo giorno).

Le principali regole per l’iscrizione sono:

● in caso di esame che si concluda in un solo giorno occorrerà iscriversi per quella data entro i termini canonici (da 20 gg. a 3 gg. lavorativi prima della data dell’inizio dell’appello);

● in caso di esame che preveda una prova parziale scritta e a distanza di qualche giorno una prova orale con registrazione sarà necessario iscriversi all'appello relativo alla prova parziale scritta nei termini sopra indicati; il superamento di quest’ultima comporterà l'iscrizione automatica alla prova orale.

Di norma gli esami comprendono una prova orale o una prova scritta/pratica e un colloquio orale.

Piano degli studi

Il piano degli studi è l’insieme delle attività formative, di qualsiasi tipo, che lo studente deve o sceglie di affrontare nel corso di studio. Anche se al momento dell’iscrizione allo studente è automaticamente attribuito un piano degli studi “statutario”, successivamente lo studente deve presentare un proprio piano degli studi con l’indicazione delle attività a scelta (laboratori ed esami) che intende seguire. Il piano degli studi deve essere approvato da una commissione nominata dal CCD Triennali. Le modalità e le scadenze di presentazione (o di modifica) del piano sono definite dall’Ateneo. Lo studente può sostenere solo gli esami e le prove di verifica relativi alle attività indicate nel suo piano di studi vigente.

Attività di orientamento e tutorato

Il Dipartimento supporta i suoi studenti con molti servizi: il Tutoring online, il Servizio di Consulenza Psicosociale per l’orientamento (ex Sportello Studenti), e il servizio di Counselling Psicologico. Per informazioni su questi servizi visitare il sito: www.psicologia.unimib.it/orientamento

Tali servizi aiutano a risolvere le difficoltà degli studenti, dalle più comuni alle più complesse.

Info